Tutte le persone sono degne di rispetto

di Joyce Meyer

Tutte le persone sono degne di rispetto

Allora Pietro, cominciando a parlare, disse: “In verità mi rendo conto e comprendo che Dio non usa alcuna parzialità e non ha riguardi personali” (Atti 10:34, AMP)

La Bibbia dice più volte che Dio non ha riguardi personali (ved. Atti 10:34, Romani 2:11, Efesini 6:9). Egli non tratta alcune persone meglio di altre in base a come si vestono, a quanto guadagnano, alle posizioni che rivestono o alle loro conoscenze. Dio non solo tratta tutti allo stesso modo, ma sembra avere particolarmente a cuore coloro che soffrono.

L’apostolo Pietro ha detto: “Praticate l’ospitalità gli uni verso gli altri [siate ospitali, dimostrate un affetto fraterno nei riguardi di ospiti sconosciuti, degli stranieri, dei poveri e di tutti coloro che incrociano la vostra strada e che appartengono al corpo di Cristo], e fatelo [sempre] senza mormorare (in maniera cordiale e gentile, senza lamentarvi ma rappresentando degnamente Cristo)” (1 Pietro 4:9, AMP)

Prima di leggere oltre, rifletti su quanto amichevole sei nei confronti delle persone che non conosci, specialmente di coloro che sono completamente diverse da te. Alcune persone sono amichevoli ed estroverse per natura, ma quelli come me che non hanno il “DNA amichevole” devono decidere di essere amichevoli perché così ci dice la Bibbia.

L’apostolo Giacomo ha ammonito la chiesa a non prestare speciale attenzione alle persone vestite con abiti costosi o a riservare loro dei posti d’onore. Anzi, ha detto che chi pretendeva un trattamento speciale, lo faceva per le motivazioni sbagliate (ved. Giacomo 2:1-4). In altre parole dobbiamo trattare tutti, non solo alcuni, come se fossero degni di rispetto.

Gesù ha messo fine alla distinzione tra le persone e ha detto che in Lui siamo una cosa sola (ved. Galati 3:28). Dobbiamo semplicemente considerare tutte le persone preziose: non ricche o povere, istruite o analfabete. Non dobbiamo guardare alla marca dei loro vestiti, alle loro acconciature, a che modello di auto guidano, alla loro professione o al titolo che hanno davanti al nome: esse sono semplicemente persone per le quali Gesù ha dato la vita.

Spunto di riflessione: Dio sapeva quello che faceva quando mandò Suo Figlio Gesù a sacrificarsi per tutti noi. Se è stato disposto a fare questo, puoi stare certo che vuole che noi trattiamo con la stessa misura di rispetto ogni persona per la quale Egli ha dato la vita.

Facebook icon Twitter icon Instagram icon Pinterest icon Google+ icon YouTube icon LinkedIn icon Contact icon