Come gestire le proprie emozioni quando si soffre

Come gestire le proprie emozioni quando si soffre

Perché ti abbatti, anima mia? Perché ti commuovi e ti agiti in me? Spera in Dio e aspettalo con fiducia, perché lo celebrerò ancora; egli è il mio salvatore e il mio Dio (Salmo 42:5, AMP)

Le persone che vivono una tragedia spesso diventano emotivamente instabili e hanno bisogno di esprimere il proprio dolore in qualche modo: piangendo in modo incontrollato, oppure manifestando altre sensazioni di disagio in maniera sporadica e inaspettata. Confusione, rabbia, paura, depressione e ondate di intense emozioni sono comuni. In momenti come questi, credo sia saggio guardare al re Davide.

Nel Salmo 42:5 vediamo che, quando Davide si sentiva depresso, resisteva e non sprofondava nella fossa della disperazione. Descriveva come si sentiva, ma decideva di non vivere in funzione delle sue sensazioni, bensì di lodare e confidare in Dio.

Quasi tutti noi viviamo periodi emotivamente difficili quando subiamo una tragica perdita, e dobbiamo concedere a noi stessi il tempo necessario per elaborare il nostro lutto. Durante tale processo, Dio desidera consolarci e darci la grazia necessaria per attraversarlo. Coloro che hanno fede in Dio ne usciranno migliori e più forti di prima.

Se in questo momento stai soffrendo a causa di una perdita nella tua vita, voglio dirti che hai davanti un nuovo inizio. Confida in Dio e lodalo come faceva Davide. Ciò che Satana vuole usare per danneggiarti, Dio può usarlo per il tuo bene!

Spunto di preghiera:

Signore, anche quando sto soffrendo e sono depresso, sceglierò di lodarti e di confidare in Te. Come è scritto in Romani 8:28, credo che Tu possa far cooperare ogni cosa per il mio bene.

Facebook icon Twitter icon Instagram icon Pinterest icon Google+ icon YouTube icon LinkedIn icon Contact icon