Smettila di tenere il conto

Smettila di tenere il conto

L’amore (di Dio in noi) non cerca il proprio interesse né fa valere i propri diritti; non si offende, irrita o risente; non tiene conto del male ricevuto [non presta attenzione ai torti subiti] (1 Corinzi 13:5, AMP)

Tutti veniamo feriti prima o poi, ed è di vitale importanza imparare a perdonare in fretta, affinché possiamo essere spiritualmente forti e in salute. Ad esempio, se qualcuno ti ha ferito, non passare i successivi dieci anni della tua vita a farti del male da solo restando aggrappato a quell’offesa. Molto probabilmente, l’altra persona non ti pensa neppure, mentre tu rimugini sull’incidente da anni. Questa situazione fa male solo a una persona: te.

Quando agiamo con rancore, cerchiamo di “tenere il conto”, considerando noi stessi migliori dell’altra persona.

Agli inizi del nostro matrimonio, quando Dave e io avevamo qualche scontro o litigio, avevo la cattiva abitudine di ritirare in ballo cose successe negli anni precedenti, al che Dave replicava dicendo: “Ma dove le tieni stipate tutte queste cose?”. Be’, un posto dove le tenevo c’era… era dentro di me, e mi divorava. Inoltre, a ogni nuova cosa sbagliata che Dave faceva, la lista si allungava e continuava a crescere finché non diventava un enorme macigno di amarezza nel mio cuore.

Grazie a Dio, ho imparato a vivere in un modo migliore! Quando agiamo esercitando l’amore di Dio, troviamo libertà non “tenendo il conto” dei torti che subiamo. Se oggi stai soffrendo perché provi risentimento, chiedi a Dio di aiutarti a smetterla di tenere il conto. Puoi liberarti della tua amarezza oggi stesso.

Spunto di preghiera:

Signore, non voglio più tenere il conto dei torti subiti e vivere con il risentimento nel cuore. Lo lascio ai Tuoi piedi e Ti chiedo di aiutarmi a camminare nel Tuo amore, che “non tiene conto del male ricevuto”.

Facebook icon Twitter icon Instagram icon Pinterest icon Google+ icon YouTube icon LinkedIn icon Contact icon